Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 novembre 2010 5 19 /11 /novembre /2010 18:56

  

  

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
De l'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminato
Spazio di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e 'l suon di lei. Così tra questa
Infinità s'annega il pensier mio:
E 'l naufragar m'è dolce in questo mare.

 

 

 

 

 

Manoscritto originale

 

 

 

 



 

   

Condividi post

Repost 0
Published by altrove.over-blog.it - in poesia
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : altrove.over-blog.it
  •  altrove.over-blog.it
  • : Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e profondità e succhiare tutto il midollo della vita, sbaragliare tutto ciò che non era vita ! E non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto.
  • Contatti

Profilo

  • M.M

Archivi

Categorie